Sponge Gasket: precisione, flessibilità e alte prestazioni.

Nel 2004 Vito Rimoldi SpA è coinvolta da un'importante azienda italiana di accessori per i mobili nella realizzazione in grande serie di piccoli particolari cilindrici di gomma espansa, che dovranno essere montati su linee automatiche, all’interno di dispositivi che limitano la velocità in chiusura di porte e cassetti.

La lavorazione avviene mediante tranciatura, con stampo a più figure, partendo da un semilavorato sotto forma di rotolo.

Questa tecnologia, se da una parte garantisce una discreta produttività, dall’altra ha alcuni limiti dovuti alla deformazione del materiale in lavorazione durante la tranciatura. Sebbene questo difetto sia gradualmente limitato, è evidente che non potrà mai essere completamente risolto. Inoltre, ancor più grave è la difficoltà di poter garantire nel tempo la costanza dimensionale del pezzo, con tolleranze di pochi decimi.

Il Problema

Il Problema

Nel 2007, Vito Rimoldi SpA entra in contatto con altre aziende di componentistica per l’arredamento a livello mondiale. Diventa subito chiaro che la tecnologia di tranciatura non è adatta per tutte le tipologie di prodotti richieste dal mercato. Per attaccare questo mercato occorre utilizzare una tecnologia differente. 

La Sfida

Ci si orienta sul taglio con getto d’acqua pura a pressione elevata, una tecnologia in cui Vito Rimoldi SpA ha già una buona esperienza, perché dispone da anni di una macchina Water Jet, che utilizza per la produzione di guarnizioni soft.

Tuttavia, le macchine water jet standard sono lente e hanno un numero molto limitato di utensili da poter far lavorare in parallelo: sono quindi macchine molto versatili e adatte alle piccole serie, ma con bassa produttività e dunque sono poco adatte a produzioni di grandi serie come quelle della componentistica per l’arredamento.

La Soluzione

L'azienda coinvolge un importante centro universitario italiano. Tra il 2007 e il 2008 si sviluppa una nuova macchina waterjet capace di garantire un livello di produttività adeguato al nostro obiettivo.

Si procede con una campagna di prove sperimentali (DOE), finalizzata alla definizione delle caratteristiche ottimali per gli ugelli di taglio e per tutti i parametri del processo del taglio ad acqua pura applicato a materiali spugnosi, e si sviluppa l’architettura di una nuova macchina di taglio, capace di governare più teste di taglio simultaneamente.

In base a quanto messo a punto, si realizzano i primi campioni per due Clienti esteri, raccogliendo da entrambi valutazioni positive e l'incoraggiamento a proseguire con l’industrializzazione del processo.

Con il supporto di un costruttore specializzato in macchine customizzate per lavorazioni CNC nel 2008, Vito Rimoldi SpA realizza la sua prima macchina di taglio specificamente destinata a questo tipo di produzione, con caratteristiche di precisione non reperibili sul mercato e una produttività pari a più di venti volte quella di una macchina waterjet standard. 

Una stazione di controllo robotizzata

Una stazione di controllo robotizzata

Nel 2008 partono le produzioni di 3 differenti Sponge Gaskets. Trattandosi di particolari di piccole dimensioni e pesi molto ridotti, gli Sponge Gaskets sono articoli molto difficili da movimentare.

Per sviluppare la tecnologia adatta alla misurazione, collaudo e selezione dei pezzi, nel 2009 Vito Rimoldi SpA coinvolge il Dipartimento di Meccanica del Politecnico di Milano. Oltre alla selezione della strumentazione adeguata, il PoliMI sviluppa la metodologia ottimizzata per la misurazione e per l’handling robotizzato dei pezzi.

Con il supporto di un’azienda specializzata in linee di produzione automatizzate, e integrando il contributo del PoliMI, nel 2010 si realizza la nostra prima stazione di controllo al 100% robotizzata.

Ma rimane ancora un problema da risolvere...

Poiché la percentuale di lastre scartate in accettazione è molto elevata e il fornitore non si dimostra capace di migliorare il proprio livello qualitativo, nel 2012 si decide di investire in una macchina a lama rotante per il taglio delle materasse e dei blocchi di spugna in lastre degli spessori desiderati.

I continui investimenti per migliorare il prodotto e la capacità produttiva è ricompensata dai nostri Clienti, confermando la strategia dell'azienda che si rivela vincente e vede crescere i volumi produttivi anno dopo anno.

Oggi il reparto produttivo degli Sponge Gaskets è in grado di realizzare diverse centinaia di milioni di pezzi l’anno, controllati al 100% e confezionati automaticamente.